Antichità e Restauro in provincia di Padova

Antiquariato

Antiquariato è la parola che identifica tutte le attività di raccolta, conservazione e commercio di mobili antichi, opere d'arte, libri e gioielli antichi.
Oggigiorno con Antiquariato si intende l'attività di commercio di alcune persone che comprano e rivendono questi oggetti d'epoca, gli antiquari.

Oggetti di antiquariato

Un pezzo d'antiquariato è un oggetto che ha valore e per cui viene collezionato, ad esempio per la sua età, perché è un pezzo raro e per altre caratteristiche che lo rendono unico.
Gli oggetti d'antiquariato sono stati, e rimangono, dei frammenti della storia dell'umanità. E per questo devono essere apprezzati e riguardati.
Gli oggetti d'antiquariato sono particolari e, visto che risalgono a epoche passate, hanno per lo più un aspetto artigianale, curato nell'estetica e nei particolari.
Ad esempio i mobili antichi in generale sono mobili dalla solida struttura, curati e fatti a mano con legni pregiati.

Possiamo acquistare un oggetto antico nei negozi di antiquariato oppure ricevendolo come eredità.
Un altro modo di acquistare pezzi antichi sono le aste, oppure, cosa recente, da siti web dedicati alla vendita dell'antiquariato online.

Candelabri del 600

La definizione di pezzo d'antiquariato

La definizione di oggetto d'antiquariato non è standard e non segue regole fisse.
Essa cambia da paese a paese, cambia in base all'oggetto in analisi e si modifica di anno in anno.
In Europa un mobile si considera antico quando ha un età minima di 150 anni (mobili fatti prima del 1850 circa). Mentre per il mobilio più recente si usa l'espressione mobile d'epoca.

In altri paesi, vedi gli Stati Uniti, un mobile di inizio '900 è già considerato "antico".
in America oggetti come veicoli a motore ed altri utensili a uso intensivo, si possono definire di antiquariato se sono vecchi solo di 25 anni. Così vecchie radio, vecchi apparecchi elettronici di inizio 900 sono venduti e acquistati come pezzi d'antiquariato.

Un qualunque oggetto, infatti, può essere considerato pezzo d'antiquariato se resiste integro per diversi anni.
Il suo reale valore è però determinato dalla richiesta del mercato, cioè quanto quella tipologia di oggetto è apprezzata dalle persone, e quindi richiesta.
Quindi viene sempre valutato anche il valore, la rarità di un oggetto e la sua richiesta dal pubblico. Alcuni pezzi di uso comune valgono sicuramente meno di oggetti rari. Ad esempio stampe d'epoca hanno sicuramente meno valore, in proporzione, rispetto a un mobile d'epoca.
Per definire un oggetto che risale agli anni passati, in base alla sua epoca di creazione e rapportando la sua richiesta di mercato, possiamo usare quindi questi aggettivi: oggetto d'antiquariato, oggetto d'epoca o articolo vintage.

La nascita dell'Antiquariato

L'antiquariato e l'amore per gli oggetti del passato sono nati molti anni fa. Nell'antica Roma infatti non è raro che i più ricchi pagassero grosse somme per acquistare le opere dei grandi maestri greci, risalenti al periodo classico.
Nel Medioevo presero particolare importanza i testi scritti a mano, manoscritti, di origine greca e latina. Questi venivano copiati, sempre a mano, dai monaci.
Il Rinascimento vede una maggiore attenzione e curiosità verso il passato, a Roma, ad esempio, vengono effettuati degli scavi per cercare i resti dell'antica civiltà che popolava la città.
La figura dell'antiquario inteso come commerciante di opere antiche si definisce nel tardo Settecento, quando le ricche famiglie pagavano fior fiori di quattrini per avere nelle proprie abitazioni pezzi antichi di inestimato valore, provenienti da tutte le parti del mondo.

Mobili antichi

I mobili antichi sono forse gli oggetti che riscuotono, e hanno sempre riscosso, più interesse nel settore dell'Antiquariato, il loro commercio prende infatti la maggior fetta del mercato dei pezzi d'antiquariato.
Il motivo forse è da ricercare nelle loro funzioni pratiche di arredamento e ornamento nelle nostre abitazioni, che permettono di posizionare un mobile antico praticamente dentro tutte le case.
I mobili variano di molto in base a dove sono stati prodotti e al legno utilizzato, tra i più comuni ci sono: noce, quercia, ciliegio, mogano, pino. Ma soprattutto si differenziano in base ai loro stili, che nel corso delle varie epoche hanno subito una costante mutazione.
Possiamo trovare mobili antichi in stile Gotico, Rinascimentale, Luigi Filippo, Rococò e tanti altri.